25 Febbraio 2020

28-30 Settembre 2018 – Ragusa – Divulgazione di LEO alla Fiera Agroalimentare Mediterranea

La 44esima F.A.M.- Fiera Agroalimentare Mediterranea che si è tenuta da venerdì 28 a domenica 30 settembre 2018 presso il Foro Boario di Ragusa ha chiuso i battenti con un bilancio decisamente positivo. Che si sia trattato di un’edizione da record  lo si è capito già dall’eccezionale afflusso di pubblico dei visitatori che hanno affollato l’area in Contrada Nunziata già dalla giornata inaugurale. Confermati i numeri rilevanti anche per quanto riguarda gli espositori, molti dei quali provenienti da fuori regione richiamati da una manifestazione che si stabilisce al vertice tra quelle di stampo agricolo e zootecnico del Sud Italia. Grande la soddisfazione degli organizzatori, in primis  la Camera di Commercio di Catania Ragusa Siracusa della Sicilia orientale che, in collaborazione con A.I.A.-Italialleva  e con il Consorzio Provinciale Allevatori di Ragusa ha visto ripagato l’impegno nel porre le premesse per far decollare un vero e proprio Polo Fieristico locale. All’inaugurazione, oltre alle autorità regionali e locali ed all’assessore regionale all’Agricoltura, Sviluppo Rurale e Pesca Mediterranea Edy Bandiera, erano presenti il vicepresidente dell’Associazione Italiana Allevatori, Claudio Destro, ed il delegato A.I.A. per la Sicilia Saverio Viola. Il momento centrale della manifestazione si è avuto nella mattinata di domenica 30 settembre, con la cerimonia di premiazione dei vari concorsi, cui è intervenuto anche il presidente dell’Associazione Italiana Allevatori Roberto Nocentini. “Voglio ringraziare gli organizzatori e tutti gli allevatori presenti – ha detto tra l’altro Nocentini - ; in particolare mi rivolgo ai molti giovani che vediamo impegnati con passione, determinazione e consapevolezza, ricordando che anche da loro dipende il futuro del comparto zootecnico nell’Isola. Ai ragazzi, agli studenti in visita alle iniziative didattiche, ai gruppi giovanili che si sono cimentati nelle gare di conduzione del bestiame do’ un forte incoraggiamento, li invito a non farsi frenare dalla difficoltà che la professione di allevatore spesso comporta, soprattutto all’inizio dell’attività. Nelle loro mani c’è la responsabilità di migliorare e conservare il ricco patrimonio zootecnico di questa bellissima parte d’Italia, che esprime una biodiversità notevole e produzioni agro-zootecniche tanto ricercate”. I vari esponenti del Sistema Allevatori nazionale presenti hanno altresì colto l’occasione per confermare, anche alle autorità locali, il supporto necessario al rilancio della zootecnia siciliana, in un territorio che presenta ampi margini di crescita sia nell’allevamento delle razze a maggior specializzazione produttiva, sia nelle azioni a favore della tutela della biodiversità animale, particolarmente degna di interesse nell’Isola. Ed il nutrito programma zootecnico ha confermato la validità del panorama allevatoriale regionale, con le mostre delle razze bovine Modicana, le manifestazioni di livello regionale delle razze da latte Frisona Italiana e Bruna Italiana e della razza Pezzata Rossa Italiana, a duplice attitudine; inoltre, particolarmente interessante l’unico concorso ufficiale svoltosi a Ragusa, la Mostra Interprovinciale di Libro Genealogico Anacli delle razze bovine da carne Limousine e Charolaise. In proposito – sottolinea il direttore Anacli Stefano Saleppichi, presente alla tre giorni ragusana - , si rimarca l’ottima partecipazione degli allevatori con soggetti meritevoli a testimonianza dell’importanza delle due razze, Limousine e Charolaise, nel territorio siciliano che rappresenta oggi la principale regione per quanto riguarda il numero di allevamenti ed i capi iscritti a Libro Genealogico. Ampio spazio, infine, è stato riservato anche agli equidi, con la Mostra Regionale di Registro Anagrafico dell’Asino Ragusano (nella foto, il presidente A.I.A. Roberto Nocentini durante un momento delle premiazioni degli allevatori delle razze bovine Charolaise e Limousine ).

    array(0) { }