25 Febbraio 2020

27-29 Aprile 2018 – Bari – #STOCOICONTADINI

La “Fattoria italiana” curata dall’A.I.A. e dal Sistema Allevatori con le associate regionali di Puglia, Basilicata e Calabria ha confermato, nella giornata di chiusura di domenica 29 aprile 2018, il successo all’interno della tre giorni di iniziative nell’ambito del “Villaggio Coldiretti”, organizzato sotto l’hashtag  #STOCOICONTADINI, realizzato in un’area di oltre 20mila metri quadrati attorno al Lungomare Imperatore Augusto di Bari. Curiosità,  interesse ed apprezzamento da parte del numerosissimo pubblico di cittadini- consumatori del capoluogo pugliese e dell’hinterland barese, oltre ad agricoltori e allevatori provenienti da molte province del Mezzogiorno (il bilancio stilato dalla Coldiretti e confermato dalla Questura attesta a circa seicentomila le presenze), per la vetrina della biodiversità zootecnica di queste aree del nostro Paese e per le attività didattiche e dimostrative in giornate dedicate principalmente ai giovani ed agli studenti, presenti ai momenti di formazione sulle caratteristiche e sul valore dell’allevamento nazionale, con le sue specializzazioni produttive e sulla peculiarità di animali, alimentazione, uso dei materiali impiegati e da riciclare, nonché sulla tipicità dei prodotti. Tra gli ospiti della giornata conclusiva, il sindaco di Bari Antonio Decaro che si è intrattenuto alla “Fattoria Italiana” di A.I.A.-Italialleva con il presidente dell’Associazione Italiana Allevatori Roberto Nocentini, il direttore generale Roberto Maddé, dirigenti del Sistema allevatoriale nazionale e territoriale, rappresentanti del mondo professionale locale. “Siamo particolarmente soddisfatti – ha dichiarato il presidente Nocentini – di aver mostrato anche ai cittadini di questa splendida città e delle zone vicine questa nostra vetrina della ricca biodiversità animale, fatta di razze e specie autoctone, tradizionali e dalla antica storia affiancate a quelle frutto del lungo lavoro di miglioramento e selezione fatta con passione dagli allevatori. Tutti hanno potuto valutare come si è avuta cura del bestiame in questi tre giorni, del rispetto delle loro esigenze anche in un contesto non consueto come quello cittadino. Il benessere degli animali e la qualità delle loro produzioni, lo ribadiamo, è al centro delle nostre preoccupazioni quotidiane”. Il Villaggio Coldiretti, manifestazione realizzata dall’Organizzazione professionale agricola, ha costituito anche il primo “Open Day “ nazionale dell’agricoltura italiana rivolto ai giovani che stanno dimostrando in questi ultimi anni la volontà e l’interesse di iniziare, o tornare, ad impegnarsi nel lavoro in campagna. Il presidente nazionale di Coldiretti, Roberto Moncalvo, intervenuto tra l’altro nel corso di trasmissioni televisive in diretta realizzate presso la “Fattoria Italiana”, ha da parte sua sottolineato come agricoltura e zootecnia possono offrire opportunità occupazionali sia a chi cerca un lavoro stabile alla guida di un’azienda, sia per chi volesse cogliere la possibilità di un’esperienza di lavoro stagionale a contatto con la natura: “l’allargamento dei confini tradizionali dell’attività agricola – ha detto – offre oggi grandi spazi per la creatività e le idee innovative, dal campo alla tavola”. Nella tre giorni barese la “Fattoria Italiana” è stata visitata anche dai vertici dell’Organizzazione professionale agricola: in particolare il segretario generale Vincenzo Gesmundo ed il vicepresidente nazionale e presidente di Coldiretti Lombardia Ettore Prandini si sono soffermati a più riprese a colloquio con gli allevatori e con i dirigenti del Sistema Allevatori presenti, nell’area che è stata riconosciuta al termine tra le più gettonate e che maggiormente ha entusiasmato adulti e bambini, estasiati nell’ammirare gli esemplari di animali esposti, simbolo della ricca biodiversità zootecnica del nostro Paese.

    array(0) { }